Calcutta in concerto a Latina e Verona

Bisogna ascoltare ogni singola parola della bellissima canzone Cosa mi manchi a fare? per entrare nel mondo artistico-intimo del cantautore Edoardo d’Erme detto Edo in arte Calcutta

“Volevo solo scomparire in un abbraccio, confondermi con te … e non mi importa se non mi ami piu’ ….dovrò soltanto reimparare a camminare se non ci sei tu … mi prendero’ un gelato con il tuo sapore”

Circa 11 milioni di visualizzazioni su You Tube dal 2015 (Bomba Dischi regia di Francesco Lettieri, protagonista Halim Hemanto) Cosa mi manchi a fare

Parole sagge, pillole per tutti e per tutte le età della vita, dolce melodia orecchiabile, seguita da un migliaio di commenti.

Il singolo è inserito nel suo secondo Album “Mainstream” insieme ad altri due sorprendenti singoli “Gaetano” e “Frosinone“, Calcutta si aggiudica il Disco d’Oro all’inizio del 2017.

Mainstream è uscito per la prima volta nell’autunno del 2015, nell’indifferenza generale sia del pubblico che degli addetti ai lavori (inizialmente ne hanno scritto solo pochi siti specializzati di indie rock), poco prima che una delle radio italiane più ascoltate – una radio “mainstream” – passasse la sua “Cosa mi manchi a fare”, facendo così scoppiare il “fenomeno Calcutta”. (fonte Rockol)

Andiamo avanti con la musica.

Pesto (Febbraio 2018, Bomba Dischi)

Esco o non esco? … Fuori è notte mangio al buio col pesto, non  mi piace ma lo ingoio lo stesso… perché mi sono innamorato di te e mi sono addormentato di te… ti lascio andar via, ma se la corrente ti riporta qui, io non ho il salvagente…

Circa 4 milioni di visualizzazioni su You Tube

Ed eccolo sulla copertina di Aprile 2018 della rivista Rolling Stones

Pesto è il terrore di legarsi come di rimanere soli, di riconoscere di avere trent’anni ma di non volersi ancora svegliare, almeno per qualche ora ancora (Rolling Stones)

Il numero della rivista di Aprile 2018 è dedicato alla nuova generazione della musica italiana, un’invasione “silenziosa” quasi accidentale che oggi si mostra forte dei numeri della rete: da i ragazzi del Lo Stato Sociale apprezzati quest’anno a Sanremo, a I Ministri, Motta e naturalmente l’artista Calcutta

A fine 2017 esce il singolo Orgasmo e subito coglie nel segno totalizzando  oltre 10 milioni di stream su YouTube, Spotify, Apple Music, Deezer, è salito fino alla posizione #5 sulla Spotify Chart e per la prima volta l’ha proiettato nella Top 50 dell’Airplay Chart di EarOne.

Ed eccolo all’International Journalism Festival 2016 con Niccolò Contessa (musicista romano a capo della band-non band I Cani), intervistato da Francesco Raiola FanPage.it e da Luca Valtorta  Repubblica per parlare di come essersi ritrovato da un giorno all’altro sulla bocca di tutti e dover gestire quindi un successo improvviso link

Perché – occorre precisare al lettore che mi segue – sto descrivendo il successo immediato di un artista in-di-pen-den-te che ha creato la sua prima musica (testi inclusi) nella sua “cameretta” di casa – dove si canta sottovoce per non svegliare il coinquilino, dove il testo diventa confessione timida, anzitutto davanti a se stessi, lontani da un mondo sempre più distante –  e, con  grande abilità e competenza tecnica,  Calcutta ha saputo e sa riportare egregiamente nel mondo web, creando così un fenomeno virale che porta a milioni di visualizzazioni.

No etichette e No ufficio stampa, ci si affida alla rete senza trucco e senza inganno; solo dopo l’ampio consenso arriva un po’ la struttura, una minima strategia, giusto per migliore l’organizzazione sul da farsi.

Calcutta insieme a Biagio – foto di Fabio Leidi

“Come hai vissuto questo momento? quando ti sei accorto che è successo qualcosa? Quando Jovanotti ha condiviso l’album su Twitter, mi sono accorto che tutto andava nella direzione giusta, risponde Calcutta.

E si conquista oggi così il suo posto, meritato, nel panorama musicale italiano come fenomeno irresistibile, attirando un’attenzione trasversale tra la stampa e il mondo social.

“Calcutta non è la voce della nuova generazione, ma è la nuova generazione“(Robertini, Rolling Stones).

Attendiamo quindi  il terzo Album “Evergreen previsto per il 25 Maggio 2018 seguito da due grandi concerti estivi: allo stadio Francioni di Latina il 21 Luglio 2018 e all’Arena di Verona il 6 Agosto 2018.

10 Maggio 2018 – Brunella Dorigo

Link

organizzazione Verona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...